venerdì 1 maggio 2009

"Diritto alla verità" di Paola Pitagora

Cari amici e amiche, che da tempo avete la bontà di seguire il mio lavoro, vi chiedo un po’ di attenzione.
Ricorre in questi giorni l’anniversario di un evento tragico che ha sconvolto Roma, la mia città, diversi anni fa. Parlo del rogo di Primavalle, un fatto criminale che causò la morte di due giovani, i fratelli Mattei, il più piccolo aveva nove anni.
Era il 1974, un anno terribile preceduto e seguito da anni di fortissime tensioni politiche. Furono condannati per l’attentato, tre militanti di Potere Operaio, uno di loro, Manlio Grillo, è tutt’ora latitante in Nicaragua.
Il 19 ottobre 2006 sul quotidiano la Repubblica, appare una dichiarazione del Grillo secondo cui io lo avrei ‘scortato’ in una fuga verso Milano su di un treno che dopo il delitto, lo avrebbe condotto all’estero.
Esterrefatta e indignata per questa menzogna, non mi sono limitata a smentire, non avendo mai nella mia vita neanche conosciuto Manlio Grillo e i suoi: ho querelato per calunnia. Intuivo che una semplice smentita non sarebbe stata sufficiente a fugare ogni dubbio, e infatti puntualmente mi sono ritrovata citata e insultata in blog fantasiosi gestiti da gruppuscoli dell’estrema destra. La causa penale è tutt’ora in corso.
C’è però un fatto nuovo. Un anno fa, nel 2008, preceduta da telefonate anonime, è arrivata nello studio legale che mi assiste, l’avvocata Cristina Cialdini, una cassetta dal Nicaragua. In questa cassetta, è registrata una lunga e dettagliata dichiarazione di Manlio Grillo che spiega il perché, e da chi è nata l’idea di inserire il mio nome in quella brutta storia.
Si conferma l’idea iniziale: è stato architettato un falso scoop per rendere un libro autobiografico, commercialmente più appetibile. Non so i motivi che hanno portato il Grillo a ritrattare in modo esplicito, certo non ragioni umanitarie verso la sottoscritta, piuttosto forse una delusione per la mancata riuscita del libro, o una resa dei conti nei confronti della sua ispiratrice. E’ un dettaglio che non m’interessa: FINALMENTE UNA VERITA’ – ho pensato.
Il documento è stato trasmesso al magistrato, e in seguito attraverso il mio legale, ho chiesto al quotidiano ‘la Repubblica, che aveva dato eco alla diffamazione, di dare il dovuto risalto alle nuove dichiarazioni di Grillo.
NESSUNA RISPOSTA - Evidentemente è più facile sbattere in prima pagina ‘la fiancheggiatrice’ – La smentita di un’ ordinaria calunnia, fatta dallo stesso calunniatore, non interessa nessuno.
TRANNE ME NATURALMENTE.
Mi è pesato e mi pesa tanto, che ancora un ombra del più piccolo dubbio possa sfiorare il mio coinvolgimento anche marginale, in merito a una vicenda, quel delitto di Primavalle, che ha colpito profondamente le coscienze, mia e di molti cittadini. Perché solo ora pubblico questa nuova dichiarazione sul blog e sul sito? perché nella mia protratta ingenuità, speravo che l’organo di stampa che aveva prontamente dato eco ai deliri del sig. Grillo e della sua amica, assumesse riguardo agli sviluppi della vicenda, un atteggiamento meno pilatesco. Così non è stato, purtroppo.

PAOLA PITAGORA

SEGUE LA TRASCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE SPONTANEA DI MANLIO GRILLO -


Sono Manlio Grillo e vivo in Managua.
Sono nazionalizzato nicaguarense dal 1990.
Solange Manfredi ha ingannato e distolto volutamente il senso dell'intervista del libro manipolando il registratore
per suoi propri interessi.
Non ho mai fatto il nome di Paola Pitagora come nostra complice ,nel senso che vuol far credere Solange per appagare
la sua sete di protagonismo.
Il nome di Paola Pitagora esce per una manipolazione del registratore da parte di Solange ,per pura coincidenza il nome
di lotta di una certa persona che era appunto "Paola" ,che manipolato da Solange Manfredi,diventa Paola Pitagora ,
Questo si spiega nella registrazione che però Solange omette volutamente ,registrando e non registrando quello che le faceva più comodo, in un attimo di pausa e di ironia che avrebbe dovuto essere fuori campo.
Quando mi chiede come si chiama la persona che mi ha accompagnato in treno,io rispondo "Paola" e lei mi dice - facendomi vedere che aveva spento il registratore- "Ah" -sorridendo- " Paola? come Paola Pitagora l'attrice? " le rispondo : "Sì Paola Pitagora " sorridendo anch'io e chiedendole se stava scherzando e poi..continuamente a parlare e scherzare su quella battuta e ripetendo il nome di Paola Pitagora e lì sicuramente si incrociò l'intervista vera con quella manipolata,anche perchè credevo che il registratore fosse spento.
Solange ha approfittato di quelle battute e registrato ,tenendo il registratore sotto la scrivania,quello che le faceva comodo ,facendo sì apparire il nome di Paola Pitagora come la stessa Paola che mi accompagnava sul treno; quando le chiedo :"Non hai mica messo davvero la Pitagora?Quell'attrice non c'entra niente con questa storia" lei risponde :" No non preoccuparti che non è stata registrata e comunque un po di balle fanno bene ai libri,li rendono più interessanti e più facili da vendere".
Le ho ripetuto se era sicura, e lei mi ha risposto che non era stata registrata quella parte.Sicuramente era tutto premeditato, visto che della Paola che mi accompagnò sul treno ne parlammo già in altre occasioni . Noi le registrazioni le preparavamo fuori microfono e di Paola se ne era parlato da giorni, l'accordo era che quando si parlava di cose non certe o di ipotesi lei spegnesse il registratore e si cercasse con il suo aiuto di ricordare i fatti come avvennero veramente ; sono passati trent'anni e bisognava riflettere e ricordare prima di registrare.
A volte si pensava a voce alta per confrontare le idee e non nascondo un pò di superficialità nelle mie dichiarazioni, c'è stata anche perchè suggestionato da Solange ,della quale all'inizio avevo una grande stima ,la quale mi pulsava quasi forzatamente la veste superficiale ,sembrava quasi che le interessassero solamente le frasi ad effetto trascurando i dettagli .
Io le chiesi di spegnere il registratore diverse volte per non mischiare il vero con la fantasia ,come con la Pitagora , e non mescolare stupidaggini che non c'entravano niente, sicuramente tutto questo era premeditato.
Solange ha avuto il tempo di elaborare un piano approfittando di questa omonimia per manipolare la registrazione e l'intervista affinchè sembrasse che la Pitagora fosse la stessa Paola che mi accompagnò quel giorno ,il quale nome avrebbe sicuramente aumentato la tiratura del libro ed eventualmente chiamato l'attenzione della magistratura.
Solange Manfredi ha ingannato me ma soprattutto la magistratura, con una balla colossale ha manipolato i controlli del registratore
per rendere più interessante il libro affinchè qualcuno lo pubblicasse .
Solange Manfredi è una persona con grossi problemi psicologici ; suo amico di famiglia Paolo Bosio,buonanima,conosciuto da Solange e suo fratello fin dai tempi di "Gioventù d'Italia" a Torino ed assiduamente frequentato qui in Managua nel suo ristorante "La Magica Roma", ha raccontato che Solange è stata ricoverata, in tempi passati in una clinica di Torino ,per problemi mentali ,crisi depressive,anoressia e mania di persecuzione. Non mi stupirei che fosse vero visto il comportamento anormale che Solange aveva qui in Managua.
Paolo Bosio era, è morto l'anno scorso ,proprietario del ristorante "La Magica Roma" .
La paladina della giustizia Solange, che vuol far credere che è moralmente ineccepibile, omette di dire con che tipo di persone è venuta in Nicaragua e quali sono i suoi scopi. Solange viene in Nicaragua con uno strano personaggio di nome Manlio,finanziario siciliano che operava nella finanza milanese e che trascina con sè grossi problemi di cocaina,al punto tale che muore di overdose un anno dopo circa in Granada in Nicaragua.
Solange ha sostenuto davanti a testimoni che Manlio,nome mio omonimo,l'ultimo anno in Italia si è tirato più di un miliardo di lire in cocaina , bei colleghi aveva in Italia.
Proprio loro due mi contattano per aprire una spaghetteria e comprare un locale "La Piazzetta" che avrebbero pagato circa 200 mila dollari,il locale che non valeva quasi niente, che però a loro interessava e che di soldi ne avevano tanti ,certo è che Solange ha vissuto in Nicaragua non da poverella ,visto che conduceva una vita da miliardaria ,villa con piscina nella zona Vip ,jeep milionaria Suburban, che qui costava circa 150 mila dollari ,non le dico di viaggi lo stesso anno in Italia e pagò dei debiti al suo amico Paolo Bosio.
Paolo Bosio mi diceva che se tutto andava bene i suoi problemi economici erano finiti ,erano arrivati dei suoi amici dall'Italia che avrebbero investito dei milioni nel paese e che il capo di tutti era una certa Solange ,imparentata con i Valletta, e per ragioni di sicurezza bisognava tacere. Il locale dove ci riunivamo per il libro era il locale dove Solange era socia ,non era un locale qualunque, era la "Casa del Pomodoro" ,del quale lei era proprietaria per circa il 50 % .
Paolo ripetutamente mi disse che Solange era un po malata di cervello però bisognava tenerla buona perchè lei controllava i soldi di tutti ,più di un milione di dollari in contanti .
Chi mi propose di fare il libro è stata lei ,io non mi sarei mai sognato di pubblicare un libro.
Solange sostiene che decise di non fare più il libro perchè si accese in lei il sacro fuoco della giustizia,un grande gesto di stakanovismo patriottico, a discapito della Paola Pitagora e sfruttando la vicenda Mattei ,balle.
Laura ( Solange) fa un viaggio in Italia per parlare con l'editore che aveva conosciuto per intermezzo,così mi disse, a proposito del nostro libro o meglio del suo, quando ritorna dal suo viaggio Solange dice :"Ho conosciuto un editore che è anche un importante avvocato di Roma-Viterbo,non ricordo più bene, ci aiuterà a pubblicare il libro con i suoi contatti e mi ha offerto di collaborare nel suo studio".
In Managua andava in giro dicendo che la inseguivano agenti segreti che entravano di notte in casa sua ,di avvelenamenti di cani , bigliettini di morte lasciati sulla sua macchina ,sabotaggio ai freni della sua Suburban,computer sotto controllo,telefonini spiati, tutto frutto della sua mente bacata.
C'erano giorni in cui aveva tremende crisi depressive ed andava in giro come uno zombie ,con lo sguardo fisso a terra e schivava tutti,sosteneva persino che suo padre è stato ammazzato dai medici, che lo avevano in cura a Torino, per ordine della mafia.
Ho finito qui la mia dichiarazione .
P.S : Qui in Managua viveva sotto falso nome e si presentava come Laura Martini.
Continuo la mia dichiarazione aggiungendo dei particolari che mi vengono adesso in mente.
Solange Manfredi si è presentata con un importante giornalista ed avvocato dicendomi che era dovuta fuggire dall'Italia ,abbandonare la professione di avvocato in uno studio importante su ordine di un magistrato perchè la mafia la voleva ammazzare per certe indagini che la magistratura stava facendo su certi conti svizzeri riguardanti suo padre,che secondo lei non era altro che il cassiere della mafia.
Solange andava in giro dicendo che tutti erano delinquenti e che le rubavano soldi quando era lei che li regalava ,anche a me ha regalato dei soldi , e che solo lei era una brava persona.
Le brave persone non fanno società con tossicodipendenti .
Le brave persone non sfruttano i dolori altrui per trarne profitti personali.
Le brave persone non inventano nomi importanti di attrici per dar risalto al proprio libro o appagare la propria sete di giustizia fai da te,anche perchè quest'ulitma non ti compete ma semmai è compito della magistratura .
Alcune persone conoscono le paranoie di Solange , a tutti raccontava storie di massoneria,mafia ed agenti segreti ed è una vergogna che certi giornali ,come "La Repubblica" , abbiano potuto pubblicare certe accuse senza accertarne prima la veridicità e la provenienza.
L'abitudine di denunciare la gente senza prove , inventandosi gran parte di esse,l'aveva anche in Managua.
La sua paranoia era tale che si è inventata anche una denuncia all'ambasciata d'Italia,vedi il problema passaporto.
Ha fatto una denuncia senza nessuna prova concreta soltanto per sentito dire che all'ambasciata d'Italia c'era stata una sparizione di passaporti .
Niente di più falso ,i passaporti non erano spariti ma semplicemente si erano fatti errori di trascrizione di dati e come tali erano stati annullati.
Normalmente in questo paese dove tutti hanno 300 nomi nessuno se ne ricorda uno correttamente.
Ovviamente nello scandalo ci sono andati di mezzo funzionari integerrimi con traiettorie impeccabili-trentennali che non c'entravano niente,tutte balle, come il nome di Paola Pitagora.
Accludo a questa lettera testimonianza una mia foto datata 18/05/2008 ore 16:46.

57 commenti:

  1. E finalmente sì.
    La mente umana è davvero folle e purtroppo qualcuno fa sempre le spese di questa follia...
    Ma per fortuna esiste anche una giustizia.Claudia

    RispondiElimina
  2. Molto interessante, ma se c'è una causa in corso, presto o tardi chi ha organizzato il brutto scherzo si assumerà le sue responsabilità? - ciao - Silvia

    RispondiElimina
  3. Tra presto e tardi dico "tardi",la lentezza è un neo della giustizia italiana,ma chi ha architettato tutto ciò sarà costretto ad assumersi le sue responsabilità. Si svincola una volta ma la seconda non è possibile.
    Sono fiduciosa.
    Claudia

    RispondiElimina
  4. Si evince da questa brutta esperienza che Paola ha fatto che il mondo è pieno di ciarlatani senza scrupoli pronti a coinvolgerti per i propri interessi, e, come al solito, i giornali sono sono ben lesti a diffondere notizie non verificate in precedenza tanto per creare scalpore, senza poi pubblicare le adeguate smentite. Disonestà totale!

    RispondiElimina
  5. Domanda: ma almeno la diffamazione è stata riconosciuta?

    RispondiElimina
  6. Si certamente, la diffamazione è stata riconosciuta in prima istanza....ma diciamo che per l'appello si sperano,con fiducia, risultati assai più giusti,sia legalmente che umanamente.

    RispondiElimina
  7. Non ho mai avuto dubbi sul fatto che Paola Pitagora non avesse nulla a che fare con questa faccenda, ma sono felicissima, per lei, che finalmente la verità sia venuta a galla. E mi spiace che il quotidiano "La Repubblica" non pubblichi la dichiarazione di Grillo, ma evidentemente è impegnata con fatti privati di personaggi molto in vista. Sono vicina a Paola Pitagora che ha vissuto questi anni con il peso della calunnia, sapendo che era tutta una menzogna. Ma la verità prima o poi trionfa.

    Un abbraccio alla grande donna e attrice Paola Pitagora!

    Erreo

    RispondiElimina
  8. Io non sapevo nulla di questa vicenda,la leggo ora per la prima volta, e sono contento che le cose siano andate così.
    Ettore

    RispondiElimina
  9. Incredibile storia..sembra la trama di un film..poco piacevole per una delle protagoniste certo,per fortuna che un minimo di chiarezza alla fine viene sempre alla luce.

    RispondiElimina
  10. Una santa questa Solange eh? che mente folle.
    Chissà quanti danni in vita sua.
    Pio

    RispondiElimina
  11. Seguo questo sito,magistralmente curato da tanti anni, e ieri trovo questa notizia,che prima forse per mancanza di tempo avevo trascurato,resto sbigottita,perchè proprio paola pitagora per una cosa del genere.
    Comunque avete fatto bene a mettere alla luce e in rilievo questo risvolto della medaglia.
    saluti Magda.

    RispondiElimina
  12. Grazie a tutti dei vostri messaggi!

    RispondiElimina
  13. x Paola P.
    Leggere l'inchiesta:"Viterbo e l'inchiesta Coast to coast".Tiziana Pizzuto e' la mamma della collega di Solange manfredi( studio paolo Franceschetti).

    RispondiElimina
  14. http://tr.youtube.com/watch?v=eJ-Mtqsnqp4&feature=PlayList&p=692D719FD8CE9726&index=0
    In questo video( registrato con un telefonino dalla sua collega di fantasie)paolo franceschetti dice..."suo padre l'avevano ammazzato"...intendendo il padre di solange.Balle!Il padre di solange muore in una clinica a torino di cancro ai polmoni.La mafia e' una invenzione!Sono facili i riscontri!Se..." e' un paese di latitanti e brigatisti"...cosa ci e'finita, solange, in un paese come quello?Come faceva ad avere tanti contatti? Perche frequentava la magica roma?...Chi lha messa in contatto con maglio grillo?A presto le risposte.Per fortuna la verita comincia ad emergere.Tutta la mia stima a Paola Pitagora.
    Se non riuscite ad agganciare il sito:Paolo Franceschetti-Milano 19.04.2009-Intervento sulla Massoneria-5/9

    RispondiElimina
  15. Pazzesco..grazie per aver messo il link a questo video...claudia

    RispondiElimina
  16. guardi l'inchiesta di viterbo,come dice anonimo.
    E' proprio vero. Lo studio franceschetti, dove lavorava la dott.solange manfredi ed l'avv. franceschetti( ora non piu sono stai allontanati)coinvolge anche un loro avvocato ,o meglio,una avvocatessa.
    Noi crediamo,visto la serieta del suo blog,che ..."se ne sentiranno delle belle".
    Noi siamo con lei e con tutte le persone che hanno sempre difeso, con serieta e professionalita, i valori della Rai.

    RispondiElimina
  17. Messaggi di solidarietà sicuramente molto graditi.grazie claudia

    RispondiElimina
  18. http://forum.fuoriditesta.it/attualita-politica-economia/56422-solange-manfredi-e-manlio-grillo-br-terrorismo-e-giustizia.html


    povero mondo!!

    RispondiElimina
  19. E'vergognoso come la Dott.Solange Manfredi parli di suo padre.Suo padre ,Cesare Manfredi ("che sicuramente si sta rivoltando nella tomba"),era uno stimatissimo professionista di Torino il quale ha svolto, meta della sua carriera ,come avvocato,aiutando la gente bisognosa. Non e'mai stato un esponete mafioso.La mafia e'unicamente nella mente malata di solanga.L'Avv.Manfredi e' stato uno dei fondatori dell'Associazione per la prevenzione e la cura dei tumori in Piemonte (ONLUS). Per farvi capire con una immagine figurata :"E' il tetto della mole Antonelliana ( Torino) dal quale ne escono 5 rondini.Vergognati!.." ce ne fossero tante di persone come e' stato tuo padre". Giovanni.

    RispondiElimina
  20. come si permette Solange di accusare ed infangare l'onore di Paola Pitagora?La signaora Pitagora e':una bella signaora ,una brava giornalista,una brava attrice.In cambio Solange e':una non bella persona,una non brava giornalista ed una non avvocato ma praticane,nonostante i suoi 40'anni.Si,perche,nonostante i suoi anni non era mai riuscita a superare l'esame di stato.Solamente nel 2008 ha superato l'esame di stato e sta tuttavia svolgendo la pratica forense nello studi Francechetti.Nonostante faccia credere che e' un avvocato non lo e'ancora diventata.Tutti i tentativi antecedenti finirono ,o con l'espulsione dai vari studi di torino e milano ,o con esito negativo.Allora mi dico:con che coraggio imputa certe "cose" a persone che la sovrastano in cultura etica e moralita?
    Frase celebre di Einstein:"E difficile sapere cosa sia la verita',ma a volte e'molto facile riconoscere una falsita'".

    RispondiElimina
  21. Grazie per questi nuovi messaggi che attestano ,nel caso ce ne fosse ancora bisogno,che persona è questa Solange...addirittura mentire così sul padre....
    A sto punto non mi chiedo più come non faccia a superare l'esame di stato ma come ha fatto a laurearsi!!
    Claudia

    RispondiElimina
  22. un saluto a tutti.
    Ho guardato il video del 18 magio e ...non credo alle mie... 'orecchie!'!!'Ma come e possibie che un pofessore universitario dica simili eresie? Cosa insegna ai nostri figli?Lo studio altalex e'uno studio di professionisti ...o di cialtroni? Credo che dovremmo protestare, agli organi preposti, per 'atteggianto diseducativo di questo "franceschetti".Noi chiediamo che l'universita ci aiuti ad educare i figli ,non che le insegnino cialtronate!!

    Franca,una mamma.

    RispondiElimina
  23. ...Pienamente d accordo Franca.E perche non fare un esposto all ordine degli avvocati?Usando una tua colorita espressione'quei due cialtroni' devono smetterla di accusare le persone oneste senza la benche minima prova.Tuti sappiamo che questi terroristi da strapazzo per pochi euro dicono 'qualunque cosa'intanto a loro 'che le importa'vivono in un altro paese e la vita gia ce l anno distrutta.Quasi sicuramente e' successo cosi con le accuse contro paola pitagora.Non mi stupirei se un giorno si scoprisse che "qualcuno" ha dato dei soldi a maglio per quelle dichiarazuioni che ho letto su Paola.I giornalisti di vecchi stampo ,come paola P.,sono quelli che hanno dato lustro alla nostra stampa non quei giornalistucoli che vanno in giro per il mondo ( magari da una redazione estera per non lasciare tracce-inviati da una redazione italiana)a raccoglier interviste che useranno unicamente per i propri scopi ed interessi personali, incuranti del danno altrui.

    RispondiElimina
  24. leggete questa.
    http://www.riccardoorizio.com/talkofthedevil/reportage_01.html

    RispondiElimina
  25. Tutta questa storia è ignobile, ignobile come certe persone riescano a vivere sulla pelle di altre senza vergogna di se stesse, tali individui possono raggiungere livelli così biechi che prima di riuscire a difendersi bisogna riprendersi dallo stupore. Tutta la nostra solidarità ad una attrice che è anzitutto una persona buona, e integerrima, forse appetibile proprio per questo, perchè di grande valore!

    RispondiElimina
  26. Solange manfredi oltre ad essere una gran bugiarda e una psicolabile, utilizza farmaci per controllare il suo stato depressivo che si trascina fin dalla gioventu in torino ,il quale ,le causo non pochi problemi ed innumerevoli ricoveri in reparti specializzati per malati mentali.Senza i farmaci non potrebbe bere un caffe senza rovesciarlo i medesimi l'anno resa incoscente svariate volte. I segni del suo stato mentle riflettono chiaramente sul suo volto e dai suoi sguardi.
    Mente quando dice di essere andata in nicaragua per caso e di non aver mai sentio parlare prima di maglio. I soldi per comprare la magica Roma da Casimirri e Maglio , a paolo Bosio, li da il fratello di solange manfredi che era un grande amico ,ai tempi della rivoluzione, di paolo bosio.Percio solange non e andata in nicaragua per caso e non puo dire che non conosceva maglio grillo e tanti altri terroristi.Tuttora il fratello vive in nicaragua ( ha una pensione in granada)

    RispondiElimina
  27. CARI AMICI, CARA CLAUDIA. LEGGO MOLTE COSE CHE A VOLTE SEMBRANO INCREDIBILI, A VOLTE MI PARE CHE AUMENTINO LA CONFUSIONE. QUI NON SI TRATTA DI 'INFIERIRE' SUGLI AUTORI DI UN PALESE FALSO.
    NON CONOSCO QUESTE PERSONE, PRIMA DELLO SCOOP NON LI AVEVO NEMMENO SENTITI NOMINARE - IL MIO DESIDERIO E' SOLO L'AFFIORARE DELLA VERITA', E IL PIU'PRESTO POSSIBILE - LO DICO AI MIEI SOSTENITORI - PRENDERE ELEGANTEMENTE LE DISTANZE DA INDIVIDUI DALLA VITA PERLOMENO COMPLESSA. UNO LATITANTE CON UNA CONDANNA, L'ALTRA, FRANCAMENTE, NON SO E NON MI INTERESSA. SUPERATA QUESTA FASE, MI AUGURO DI POTER PARLARE CON VOI DI COSE CHE MI STANNO PIU' A CUORE: I MIEI REALI INTERESSI, I VOSTRI. IL TEATRO, LA LETTERATURA, IL LAVORO....LE TANTE DIFFICOLTA' DI QUESTA STAGIONE E LE OPPORTUNITA'. GRAZIE A TUTTI, ANCHE AI VARI ANONIMI, E PRECISO DI AVERE SCRITTO A VOLTE ARTICOLI, LIBRI, MA DI NON ESSERE MAI STATA GIORNALISTA. FELICE ESTATE A TUTTI - PAOLA PITAGORA

    RispondiElimina
  28. giorgio Poidomanisabato, maggio 30, 2009

    Chi conoce anche solo superficialmente Paola ha sempre saputo che si trattava di una volgare menzogna in cui è stata inserita grazie alla rilevanza del suo nome. Io cedo invece che l'aspetto più grave sia costituito dall'ateggiamento di Repubblica che pubblica un articolo senza effettuare riscontri e non pubblica la clamorosa smentita del vero protagonista.

    RispondiElimina
  29. Chi conosce , anche solo superficialmente Paola non può che esssere inorridito.
    Accostarla a questi episodi significa non tener conto di una vita pubblica e privata caraterizzata da lealtà, rigore ed impegno politico. Ma non è questo che mi ha colpito maggiormente bensì l'atteggiamento di un grande quotidiano che pubblica un articolo senza effettuare i riscontri oggettivi ed interpellare i protagonisti e , in possesso di una smentita tombale non ritiene suo dovere dare lo stesso rilievo.

    RispondiElimina
  30. Grazie a te Paola,per l'artista,la persona e l'amica che sei,e ora ci dedichiamo ad altro...Claudia

    RispondiElimina
  31. ho conosciuto Solange, sulla cui intelligenza non ho dubbi e verso la quale ho grande rispetto, indipendentemente dalla sua presunta pazzia...

    non dovremmo farci distogliere dagli indirizzamenti che ci costringono a valutare se una persona è presumibilmente attendibile, pazza o meno

    quanto rimanere radicati ai dati di fatto incontrovertibili, ad oggi ottenuti, sull'evento che ci interessa, riscontrabili non solo da convergenti testimonianze ma anche da documenti certi

    gli attacchi di questo tipo sono classici, siano essi veri o meno, hanno lo scopo di minare la credibilità di una persona, di isolarla, di screditarla, di spingerla a "dover dimostrare"...

    noi, lettori e astanti di eventi ai quali siamo stranei, non dovremmo affannarci a verificare o meno la presunta pazzia di una persona, quanto tentare di comprendere le dinamiche degli eventi che hanno prodotto morti, assassini e "pazzi"...

    F

    RispondiElimina
  32. Fatemi capire...

    La signora Solange Manfredi intervista un terrorista... poi anzichè scrivere un libro consegna tutto alla magistratura, visto che nelle registrazioni ci sono notizie di reato... E stop..

    Poi dopo molto tempo questo Grillo esce allo scoperto e fa "dichiarazioni spontanee" affermando che la signora Solange avrebbe manomesso il tutto... Il signor Grillo è già stato smentito da coloro che sono stati menzionati nella "dichiarazione spontanea"...

    Il dato, per così dire, certo è che la signora Paola Pitagora sia stata tirata in mezzo gratuitamente ed indegnamente...

    Ora mi chiedo... perchè il Grillo non ci dice chi fosse la "Paola" di cui parla e soprattutto perchè devo credere a uno che ha ucciso 2 ragazzi ed è scappato in Nicaragua per non farsi (minimo) 2 ergastoli ????

    Frank

    RispondiElimina
  33. Come già detto sul sito del Franceschetto, io, THE GENIUS OF VALBREMBANA, sono stato segretamente innamorato della sig.ra Pitagora, nella mia ormai lontana gioventù.

    Allo stesso tempo, stimo Franceschetti ed i suoi collaboratori, tra cui la sig.ra Solange, per la stoica lotta antirosicruciana che conducono.

    Insomma, sono la persona giusta per una mediazione tra i due fronti, che, a mio avviso, non devono essere opposti.
    Sediamoci attorno ad un tavolo, capiamo chi è in buona fede (sicuramente entrambe) e chi no (qualche agente della Rosa Rossa che ha teso questo astuto trappolone ...)

    RispondiElimina
  34. Ma non avete ancora capito che queti terroristi "da 4 soldi" dicono qualsiasi cosa per poche lire-euro?perche non parlare di cose piu serie e lascare alla magistratura " eventuali indagini"? Che paola non centri niente l'anno capito anche i polli!
    Mario P.

    RispondiElimina
  35. MA NON CAPITE CHE IL BLOG BIANCO SU NERO CI BRUCIA GLI OCCHI?

    CAMBIATELO PER FAVORE, E' ILLEGIBILE!!

    RispondiElimina
  36. Speriamo che questo colore sia più gradevole...dunque si accettano proposte...

    RispondiElimina
  37. Nlo ragazzi ... non ci siamo ...

    Anche il mio mitico blog dice tutto NERO SU BIANCI, ed a nessuno sono mai bruciati gli occhi ...

    RispondiElimina
  38. Doveroso visitare questo di link


    http://paolofranceschetti.blogspot.com/2009/06/diritto-alla-verita-di-paola-pitagora.html

    RispondiElimina
  39. Rispondendo a Galeazzo Gargiulo : forse non sono i colori che fanno bruciare gli occhi....

    RispondiElimina
  40. Dice Claudi-Ara (ma che vuol dire 'sto nome?): "Rispondendo a Galeazzo Gargiulo : forse non sono i colori che fanno bruciare gli occhi ..."

    Beh, ma il colore dello sfondo l'hai cambiato Tu, in adempimento ad una richiesta (subliminale?) di un anonimo, che, a lettere maiuscole, affermva "MA NON CAPITE CHE IL BLOG BIANCO SU NERO CI BRUCIA GLI OCCHI?" ...

    Devo forse cominciare a sospettare qualcosa? Cosa rappresenta questo cambiamento di sfondo? Un messaggio sottotraccia del tipo "Amico, guarda che è cambiato lo scenario di riferimento. Adesso comandiamo noi ..."?
    I miei occhi corrono forse qualche pericolo?
    La mia offerta di sincera mediazione ha forse scompaginato i piani di qualcuno?

    Mumble mumble ...

    questa volta ho calpestato qualcosa di grosso ...

    RispondiElimina
  41. Forse è necessario chiarire alcune cose :
    Claudia - Ara è un nick name che racchiude il mio nome e le iniziali del mio cognome che sta per Aragno.
    Per quanto riguarda i colori del blog si fanno dei tentativi ma rimetterò il nero o un colore scuro perchè questo dà fastidio a me...

    "Devo forse cominciare a sospettare qualcosa? Cosa rappresenta questo cambiamento di sfondo? Un messaggio sottotraccia del tipo "Amico, guarda che è cambiato lo scenario di riferimento. Adesso comandiamo noi ..."?
    I miei occhi corrono forse qualche pericolo?
    La mia offerta di sincera mediazione ha forse scompaginato i piani di qualcuno?

    Mumble mumble ...

    questa volta ho calpestato qualcosa di grosso ..."

    Non so cosa dovrebbe sospettare lei e francamente non riesco ad immaginarlo... Adesso comandiamo noi ,noi chi? questo blog è stato voluto da me e dalla sig. Pitagora per essere punto di ritrovo per persone con svariati interessi e passioni...non è un blog "comandato" ma gestito...sottili e fondamentali differenze.

    Per quanto riguarda il qualcosa di grosso che avrebbe calpestato...il GROSSO di questa storia è stato fatto da altri...chi direttamente chi indirettamente ....

    Claudia Aragno

    RispondiElimina
  42. leggere link
    http://complottismo.blogspot.com/2009/05/terremoto-e-segreti-parola-di-solange.html
    Il senso della critica a questa solange non le funziona molto bene.
    Sicuramente Solange non ha un cazzo da fare e continua a scrivere puttanate.Vai a lavorare!

    RispondiElimina
  43. vergognatevi tutti voi a parlar male di gente che non conoscete,e anche gargiulo che interviene nel blog di franceschetti complimenti...Sappiate che solange ha subito persecuzioni a causa di chi era suo padre : un potentissimo massone criminale che si è macchiato di molti delitti.Solange purtroppo lo ha saputo dopo tante vicissitudini e certo per lei è stato uno shock,per questo è dovuta scappare in nicaragua perchè la massoneria la cercava.Invece di insultare leggetevi gli articoli di paolo franceschetti blog sul quale anche lei scrive anzichè fare il gioco degli amici dei massoni e ricordatevi che chi ha sritto quella dichiarazione è un criminale bugiardo,ha capito signora pitagora,anche lei?

    RispondiElimina
  44. "Figuraccia al parlamento europeo:
    http://video.google.com/videoplay?docid=4385752140695253961
    Guardate a che punto siamoarrivati!
    Queste sono le notizie da divulgare ( sicuramente non le divulgano i nostri tg), non le CRETINATE e allucinazioni di pseudo giuristi-mitomani.
    Grazie.
    Piero

    RispondiElimina
  45. è interessante notare come basti avere un blog per avere il consenso. non importa cosa si dice: sul blog di Grillo tutti lo idolatrano, ma se su un'altro blog si parla male di lui, tutti sono daccordo. Sul blog di franceschetti si da ragione a Solange Manfredi, su quello di Paola Pitagora no... questo fa capire quanto la gente non capisca nulla e quanto tutto questo è semplicemente un gioco, un thriller emozionante. Il male vero è l'ignoranza e i bassi sentimenti come la rabbia, la cattiveria, la voglia di vendetta e l'invidia

    RispondiElimina
  46. anonimo
    vada a vedere il nuovo video di Solange e Di Benedetto( imposti:Manfredi-Di Benedetto),li ascolti tutti e poi tragga le sue conclusioni.Incredibile cosa dicono gli allucinati riguardo Moro e delle torri.

    RispondiElimina
  47. UNO QUALUNQUE
    Non ho parole.Le allusioni che "trasudano"da quelle dichiarazioni/posibile coinvolgimento della cia nel sequestro-omicidio Moro e possibile auto-attentato degli Americani alle torri gemelle/ non fanno altro che dimostrare lo stato mentale della Solange e dell'altro sconvolto.Le minchiate degli sconvolti, per crearsi un'immagine pubblica, non finiscono qua.Vedi segreti GranSasso.
    "Congratulazioni ad Altalex per i suoi collaboratori".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua ignoranza non ha confine,comunque dovresti informarti meglio, visto le cazzate che dici sminuendo le persone senza dare un riscontro per confermare le tue tesi.....

      Elimina
  48. Anzichè sputare sulla memoria di tuo padre che ti ha consentito di fare finta di lavorare con tutti i soldi che ti ha lasciato ed anzichè regalarli ai parassiti-tosscodipendenti di tutto il Nicaragua amici di quell'altro tossico di tuo fratello Alberto, fai calare un velo pietoso su tutte le innumerevoli falsità che hai divulgato per smania di protagonismo causata dai tuoi cronici problemi mentali e sparisci dal web!

    RispondiElimina
  49. FINALMENTE UNA PERSONA CHE HA CAPITO QUANTO SIA FUORI DI TESTA SOLANGE MANFREDI! TRA SUO FRATELLO ALBERTO E I VARI AMICI PARASSITI DI LUI (ALCUNI DECEDUTI A CAUSA DELLA LORO TOSSICODIPENDENZA) E' STATA LETTERALMENTE "PRESA IN BRACCIO" E SFRUTTATA ECONOMICAMENTE DA QUESTO ESERCITO DI FALLITI, BORDERLINE, NULLAFACENTI CHE LA FACEVANO SENTIRE IMPORTANTE!
    SAREBBE DA INTERDIRE POICHE' INCAPACE DI INTENDERE E DI VOLERE! LE QUERELE CON SOGGETTI PSICOLABILI COME LEI NON SERVONO A NIENTE!SE POI I SOLDI EREDITATI ERANO DELLA MAFIA, PERCHE' NON LI HA RESTITUITI ALLO STATO ANZICHE' SPENDERSELI COME SE FOSSERO I SUOI?

    RispondiElimina
  50. ANNI DI EROIA A TORINO ( PIAZZA CASTELLO,ANNI 80)E POI PSICOFARMACI TUTTA LA VITA GLI HANNO FUSO IL CERVELLO.L'ANNO RICOVERATA UN PAIO DI VOLTE MA NON E SERVITO A NINTE,E DOVUTA ANDARE VIA PER "SMETTERE".LICENZIATA DA STUDI LEGALI- NEI QUALI SVOLGEVA PRATICANTATO-E FUGGITA IN NICARAGUA PER CERCARE DI RIFARSI UNA VITA ASSIEME A SUO FRATELLO ED UN AMICO.IO MI CHIEDO COME POSSA,LA QUESTURA, AVERLE DATO IL PORTO D'ARMI.SONO PIU FUORI DI LEI!

    RispondiElimina
  51. Dov'è la verità? come spesso tarda ad arrivare.
    Vorrei considerare alcuni punti, magari insieme a tutti voi, si tuti voi, visto che nella storia dell' umanità ogni gruppo umano separatamente prese è sempre contapposto ad un'altro gruppo e quindi perchè meravigliarsi di tanta cattiveria. Io come anticipavo considero che l' attrice Pitagora la ricordavo come un' attrice politicamente collocata a sinistra, anche se non posso garantire sulla sua lealtà intellettuale, e quindi come poteva aiutare un eversivo di destra?, ma è doveroso dire che certe argomentazioni della Manfredi sono anch'esse degne di note e sembrano verosimili,almeno alcune. Allora come la mettiamo, chi può dire questa è la verità.Una cosa è certa che il nostro paese,<nostro si fà per dire< non è un paese molto tranquillo anzi, oserei affermare che è un paese non normale e non in sintonia con se stesso e i suoi cittadini. Siamo ancora lontani dalledemocrazie compiute scandinave, non è così? Forse la verità sta nel fatto che i potenti non vogliono che simo intelligentemente liberi e come diceva tanto tempo fà la FALLACI, la storia dell' umanità è una interminavile beffa dei regimi che vengono travolti ma poi rimangono tali e quali e ci ritroviamo dopo 2000 anni solo con qualche bandierina o sindacato o partito in più ma la gente di buona volontà continua a soffrire.E' altresì vero che siamo solo astrazione numerica da manipolare nelle elezioni e nelle guerre? E della eterna lotta del bene e del male dove la mettiamo, l' abbiamo dimenticata? Cone disse il poeta< voi che entrate, lasciate ogni speranza< l'entrata in scena in questo meraviglioso e al tempo stesso brutto mondo.

    RispondiElimina
  52. A quanto traspare dagli atti ufficiosi del caso Moro, testimoni su via Fani avrebbero visto Moro sequestraTO dai teroristi, ragione per cui lascia credere che la Signora Solange Manfredi sia in errore. come spiegherebbe ciò?

    RispondiElimina
  53. Giovedì, maggio 31, 2012

    Sono rimasta allibita, ho letto e riletto e mi sembrava di essere tornata ai tempi di Tortora. Non ne sapevo nulla e comunque menomale che Paola ne sta uscendo alla grande, ma ormai è appurato che quando devono sbattere il mostro in prima pagina, le notizie escono sempre a caratteri cubitali, mentre invece, quando si tratta di smentire o rettificare, sono solo frammenti per lo più invisibili relegati nelle ultime pagine dei giornali. In questo caso sarebbe dovuto essere tutto più rapido, visto che esisteva la testimonianza di Grillo; la pseudo giornalista non la commento nemmeno. Purtroppo appartiene alla categoria delle iene che per fare scoop sbatterebbero in prima pagina anche la propria madre. Comunque, fiducia e solidarietà incondizionata alla grande Paola!

    RispondiElimina
  54. ...ma quanto sono ignorante ,yeah si, io sono ignorante , ignorante. Non sapevo niente,per fortuna...e tutti questi intrallazzi ..comunque col lume dei fatti ,l'unica persona in malafede potrebbe essere il GRILLO che conoscendo la debolezza della SOLANGE l'ha plagiata e si è inventato la storia della P.PITAGORA . Comunque di certo questi due una volta erano amici ma poi è successo qualcosa ed ognuno ha fatto gli affari sua"..ed adesso giocano a chi la spara più grossa ah forgot, nel blog di Franceschetti vanno pure dicendo che pure De Andrè è stato ucciso da loro .. ma guarda tu sti massoni che si ammazzano tra di loro , prima ti usano facendoti spacciare rose rosse a destra ed a manca ,dopo ti avvelenano o ti inoculano cellule cancerose. Quindi anche Faber ..e Villaggio allora ?mah e allora Massimo Ranieri con le sue rose rosse?mmm..mm

    RispondiElimina
  55. sono capitata per caso su questa pagina ed ho il voltastomaco. Ma che ne è stato di quella bambina che ballava davanti a suo padre? Di quella bella ragazza che faceva girare la testa a molti per la sua intelligenza oltre che bellezza? Di quella signorina amata a dismisura da suo padre che in un momento in cui era stata attaccata in modo brutale dalle dicerie di chi gravitava tra i miei conoscenti mi pregò di difenderla perchè era ingenua ed indifesa? Sono allibita! non conosco più solange e, con Giovanni, anche io sono certa che Cesare Manfredi si stia rivoltando nella tomba e con lui anche Laura (la madre di Solange). Solange, se leggi queste righe sai sicuramente chi sono e ti prego rientra in te!

    RispondiElimina
  56. Carissima Paola
    Mi chiamo Ediride, sono un collezionista di dvd,
    e fra i mille film che possiedo, ho i 3 dvd
    "A come Andromeda" del 1972 dove lei lavora
    alla magistrale interpretazione di Judy Adamson,
    contornata da mega attori ai quali vogliamo ancora
    tutti bene... a vedere quel film a me viene dispiacere
    perchè la sua visione in bianco e nero, ne travisa la
    conformazione originale con la quale è stato girato,
    e tranne qualche sporadica scena madre, lo rovina.
    Vorrei chiederle amata signora Paola, se mi spedisse
    qualche fotografia copiata dalle sue, se ne possiede,
    di quelle sceneggiature che appaiono nel film, in modo
    che io con la pazienza possa colorare l'intero film e
    quindi cercare di restituirgli l'originale fulgore.
    La ringrazio cmq della sua attenzione, e sappia che
    lei è ancora una bellissima amabile signora.
    Grazie
    edidellaschiava@gmail.com --udine--

    RispondiElimina